Bologna cosa vedere 2016 – La top 10!

Bologna cosa vedere 2016 – passate un weekend alla scoperta della Città Turrita, tra paesaggi da cartolina, ottima cucina e palazzi secolari.

Bologna cosa vedere 2016

Bologna cosa vedere 2016
Grazie ai suoi 40km di portici è perfetta da visitare sia con il sole che con la pioggia, ecco una lista dei luoghi più magici di una città dal fascino intramontabile.

1. Torre degli Asinelli
Bologna è detta la Città Turrita, grazie al grande numero di torri costruite al suo interno che, tra il XII e il XIII secolo arrivarono ad essere più di 100.
Ad oggi ne sono rimaste in piedi solo 24 e la più famosa è La Torre degli Asinelli, un ensamble costruito dalla famiglia Asinelli, tra il 1109 e il 1119, e diventato simbolo della città. Salite i 500 scalini che vi porteranno sulla cima per una vista incantevole dei tetti rossi di Bologna.

 

Bologna cosa vedere 2016

2. Basilica di San Petronio
Sesta in Italia per dimensione, è l’ultima chiesa gotica a croce latina a tre navate realizzata. La sua costruzione iniziò nel 1300 e proseguì per diversi secoli. La particolare facciata è stata realizzata con due materiali diversi che creano un contrasto cromatico affascinante: marmo decorato per la parte inferiore e laterizio per quella superiore. Al suo interno ospita cappelle meravigliosamente affrescate da numerosi artisti durante i secoli.

3. La Pinacoteca Nazionale
Situata nello stesso edificio che ospita l’Accademia di Belle Arti, la Pinacoteca offre una panoramica sui maggiori artisti italiani ed emiliani dal XIII al XVIII secolo, tra cui Raffaello, Perugino, Parmigianino, Tintoretto, Vasari e molti altri.

 

Bologna cosa vedere 2016

4. Piazza Maggiore
Dopo aver visitato la Basilica vi troverete nel cuore della città, la Piazza Maggiore, o Piazza Grande, come la chiamava Lucio Dalla. Qui si incontrano i più importanti edifici di Bologna: il Palazzo Comunale, il Palazzo dei Banchi, la Basilica di San Petronio e il Palazzo del Podestà. Al centro la celebre Fontana del Nettuno in bronzo, realizzata nel 1565 dall’architetto fiammingo Jean de Boulogne detto Gianbologna.

5. Giardini Margherita
Realizzati nel 1879 in onore della Regina Margherita, moglie di Umberto I, sono i luoghi preferiti dai cittadini per passare una domenica nel verde. I giardini regalano un paesaggio molto suggestivo grazie ai laghetti presenti all’interno e al legame con lo stile del Giardino all’Inglese.

 

Bologna cosa vedere 2016

6. Portici di San Luca
Il portico di questo percorso, battuto nei secoli da migliaia di pellegrini fu realizzato dal 1674 al 1721 grazie al contributo di tutti i cittadini. Con i suoi 3.796 metri è il più lungo del mondo, si inerpica fino al Santuario della Madonna di San Luca e rappresenta una tappa fondamentale per ogni cittadino bolognese. Prendetevi un pomeriggio di tempo per percorrerlo con tutta calma e arriverete in tempo per vedere il sole tramontare sulla città.

7. Le Sette Chiese
Un complesso unitario di chiese dedicato a Santo Stefano, costruite dal I al XIII secolo e che riproducevano i luoghi Santi di Gerusalemme.
Osservando gli affreschi e le opere all’interno di ogni edificio, risalenti a epoche diverse, avrete la sensazione di viaggiare nel tempo.

Bologna cosa vedere 2016

8. Palazzo dell’Archiginnasio
Questo magnifico palazzo fu sede dell’Università di Bologna fino al 1801, anno in cui diventò la biblioteca più importante della città. La collezione di libri antichi è ricchissima e le sale, tra cui il Teatro Anatomico e lo Stabat Mater, meritano assolutamente una visita.

9. I canali bolognesi
Bologna è una città ricca di corsi d’acqua e ricorda una piccola Venezia da quando gli abitanti hanno deciso di mettere in risalto i canali che la attraversano e che erano stati interrati negli anni ‘50. In particolare in Via Piella si trova una finestrella che regala un suggestivo scorcio del Canale delle Moline, usato negli anni passati per alimentare i mulini ad acqua.

 

Bologna cosa vedere 2016

10. Colli bolognesi
Ma com’è bello andare in giro per i colli bolognesi: ascoltate anche voi il consiglio del cantante Cesare Cremonini, che sia su una Vespa, a piedi o in macchina, un’escursione nella campagna bolognese è d’obbligo per fare una visita alle migliori cantine e ristoranti, tra cui segnaliamo il Vigneto di Monteviglio e l’Agriturismo La Marina sulle colline di Savigno.

Bologna cosa vedere 2016
Siete pronti per una passeggiata sotto le stelle in Piazza Grande? Su Fly Go trovate tutti i voli per Bologna!

Approfondisci  

I dieci ristoranti più strani al mondo

I dieci ristoranti più strani al mondo!
Romantici, avventurosi e persino sottozero: ecco i ristoranti più singolari in cui gustare una cena diversa dal solito!

I dieci ristoranti più strani al mondo

I dieci ristoranti più strani al mondo: Solo per due, Rieti
State cercando un luogo per una cena romantica in un’atmosfera magica? Solo per due è il ristorante più piccolo del mondo, nell’accogliente sala ci sono solo un tavolo e due sedie per gli unici due clienti, a cui il personale si dedica interamente, coccolandoli e viziandoli per tutta la sera. Ricordate di prenotare!

I dieci ristoranti più strani al mondo: In Galera Bollate, Milano
Questo ristorante stellato è stato costruito nel carcere di Bollate e fa parte di un progetto di riabilitazione e reinserimento nella società per i detenuti, che cucinano deliziosi piatti per i clienti del ristorante, affiancati e seguiti da chef professionisti.

I dieci ristoranti più strani al mondo

I dieci ristoranti più strani al mondo: L’è Maiala, Firenze
Avete presente la tipica trattoria che offre ai clienti ottimi piatti tipici del luogo su grandi tavolate di legno? Ecco, L’è Maiala è esattamente questo tipo di ristorante: accogliente e e alla mano!
Si trova nel centro della città e riconoscerete subito la facciata esterna del locale dai disegni originali e coloratissimi.

I dieci ristoranti più strani al mondo: Club Count Dracula, Bucarest
Il ristorante perfetto per tutti gli amanti dell’horror! In questo locale a tema non manca nulla: ottima carne di orso e cinghiale, atmosfera vampiresca e uno spettacolo a sorpresa per i clienti in cui recita il Conte Dracula in persona!

I dieci ristoranti più strani al mondo

I dieci ristoranti più strani al mondo: HR Giger Bar, Gruyères
In questo locale servono ottimi cocktail e aperitivi, in un’atmosfera degna di un film ambientato su un altro pianeta. Le sale, infatti, sono state create per ricordare il celebre film Alien e anche il museo adiacente, realizzato con la stessa ambientazione, merita una visita.

I dieci ristoranti più strani al mondo: Chill out, Dubai
Gli Emirati non si fanno mancare mai nulla e, nel torrido clima desertico della città, è stato costruito un bar in cui le temperature sono tenute sotto lo zero e ogni dettaglio, dalle decorazioni ai tavoli stessi, è di ghiaccio finemente intagliato.

I dieci ristoranti più strani al mondo: Schwerelos, Amburgo
Appassionati di montagne russe e luna park? In questo ristorante ad Amburgo il servizio al tavolo non esiste: i clienti ordinano tramite i touch screen disponibili al loro tavolo e i piatti vengono trasportati attraverso un sistema di binari, scivoli e anelli, fluttuando sulle teste dei commensali.

I dieci ristoranti più strani al mondo

I dieci ristoranti più strani al mondo: Espai Sucre, Barcellona
Il vostro momento preferito della cena è il dessert? In questo ristorante spagnolo potrete averne quanti ne vorrete! All’ Espai Sucre, infatti, vengono serviti solo ottimi dolci: ogni menù è un percorso a tema che vi trasporterà in un goloso viaggio nel gusto.

I dieci ristoranti più strani al mondo: Cencio La Parolaccia, Roma
In questa trattoria a Trastevere potrete passare una divertente serata gustando piatti tipici della cucina Romana insieme ai gestori e ai camerieri del locale, devi veri e propri cabarettisti che uniscono il servizio al tavolo agli spettacoli in cui coinvolgono tutti i commensali, non adatto ai permalosi!

I dieci ristoranti più strani al mondo: Crazy Cat Cafè, Milano
Una moda che arriva direttamente dal Giappone: un bar tutto dedicato ai gatti, in cui potete sedervi per gustare un aperitivo o un caffè in compagnia di mici che miagolano per il locale, vi fanno le fusa e vi salgono in braccio. Il luogo perfetto per gli amanti degli animali!

Quale ristorante avete scelto per la vostra cena fuori dal comune? Su Fly Go trovate tutti i voli lowcost per raggiungere i vostri locali preferiti!

Approfondisci  

Le migliori terme in Italia 2016

Le migliori terme in Italia 2016: l’autunno è la stagione ideale per regalarsi un weekend di benessere, dove coccolarsi e prendersi cura di corpo e mente.

le migliori terme in Italia 2016

Le migliori terme in Italia 2016
Se sognate di passare un weekend all’insegna del benessere e di allontanare lo stress cittadino, organizzate una fuga in una delle splendide località termali presenti nel Bel Paese.
Da nord a sud, con i suoi fiumi, le sue sorgenti e le sue montagne, l’Italia è una meta perfetta per chi sceglie un turismo incentrato su pace e relax.
Nel passato, la sacralità dell’acqua fu esaltata soprattutto dai romani, che nelle terme trovarono un importante luogo per socialità ed affari, così, con il passare del tempo, le strutture termali divennero sempre più maestose, con aree dedicate alla lettura e circondate da grandi giardini, dove poter fare lunghe passeggiate all’aria aperta.
Dopo la magnificenza dell’Impero Romano, fu solo nel Rinascimento che le terme tornarono in voga, soprattutto tra la ricca borghesia e come luogo ideale per terapie mediche.

Ai giorni nostri le terme sono la meta giusta per chi ha bisogno di una pausa all’insegna della tranquillità e del riposo.

Le migliori terme in Italia 2016 – Dove andare:

le migliori terme in italia 2016 bormio

Poco distante da Milano, a Bormio, sorgono le antichissime Terme dei Bagni Vecchi e dei Bagni Nuovi. Due meravigliose strutture che, oltre a regalare una vista mozzafiato sulla valle, ospitano grotte secolari, fanghi, piscine panoramiche a cielo aperto, vasche idromassaggio e diversi servizi beauty per chi è alla ricerca del puro lusso e benessere.

le migliori terme in italia 2016

Sul lago di Garda sorge il Centro Termale Caesius, tra i trattamenti che offre si annoverano differenti tipologie di bagni in acqua termale come la talassoterapie e l’idromassaggio), la fitobalneoterapia personalizzata (ovvero il bagno in infusioni di piante aromatiche medicinali), ma anche il bagno ozonato o il più rinomato percorso Kneipp.

le migliori terme in italia 2016

La sorgente del  parco delle terme di Lazise Colà, poco distante da Verona, è stata scoperta recentemente all’interno della settecentesca Villa dei Cedri.
L’acqua termale (37°C) sfocia in uno splendido lago dove è possibile immergersi per fare terapie efficaci nelle malattie reumatiche ed artrosiche, cutanee e nella riabilitazione motoria.

le migliori terme in italia 2016
Rinomatissima località termale è la splendida Montecatini, in Toscana. Le sue acque, soluzioni saline ad alta concentrazione di sodio, cloro, calcio, litio, jodio e fosfati, sono conosciute in tutto il mondo.
Se desiderate passare qualche giorno di relax avrete a disposizione ben nove stabilimenti, immersi nel verde del grande parco termale, dove effettuare vari trattamenti beauty: dalla baneoterapia alla fangoterapia.

Inoltre, se vi trovate nei pressi di Saturnia, oltre a visitare lo splendido borgo medievale, passate qualche ora presso le Terme di Saturnia SPA & Golf Resort, un’elegante struttura in grado di soddisfare una clientela molto esigente.

le migliori terme in italia 2016 poseidon

Se vi trovate ad Ischia, non rinunciate a visitare il Parco Termale Giardini Poseidon, una moderna struttura costituita da oltre 22 piscine termali curative. Ogni Piscina ha una propria temperatura costante da 20° C a 40° C  ed inoltre dispone di un’ adiacente spiaggia privata attrezzata con una vista mozzafiato.

Non rinunciate al vostro benessere, scegliete la vostra meta e partite con Fly Go!

Approfondisci  

Harry Potter 8 libro e viaggi: magia a Londra!

Harry Potter 8 libro e viaggi: questa sera a mezzanotte uscirà in Italia l’ottavo capitolo della storia di magia che ha appassionato una generazione.

Harry Potter 8 libro e viaggi

Harry Potter 8 libro e viaggi

J. K. Rowling  ha dichiarato che nessun “babbano” potrà mai entrare nel mondo magico di Hogwarts, ma, esplorando i luoghi di Londra in cui i film e i romanzi sono stati ambientati, potrete sentirvi maghi anche voi! Tutto quello che vi serve sono questa guida e un po’ di fantasia!

Sse avete sempre sognato di ricevere la lettera di ammissione alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts abbiamo l’hotel giusto per voi!
Nella stanze a tema Wizard’s Chambers del Georgian House Hotel sarete circondati da calderoni, pozioni e manuali di stregoneria e dormirete in gotici letti a baldacchino, in pieno stile Howgarts!Harry Potter 8 libro e viaggi

Il miglior luogo da cui iniziare il nostro tour sulle tracce di Harry Potter è il leggendario binario 9 ¾ nella stazione di King’s Cross, da cui tutti i maghi di Londra partono con il leggendario Hogwarts Express per un nuovo anno scolastico.
Qui trovate il carrello portavalige di Harry, con tanto di gabbietta per la civetta Edvige e un negozio a tema in cui acquistare qualche souvenir.

Harry Potter 8 libro e viaggi

Adesso spostiamoci in Piccadilly Circus: nel settimo episodio della saga Harry, Ron ed Hermione fuggono dal matrimonio del fratello maggiore di Ron a causa di un attacco dei Mangiamorte e, per far perdere le loro tracce, si materializzano nella piazza londinese gremita di “babbani”.

Harry Potter 8 libro e viaggi

 

Avete mai sognato di comprare bacchette, paioli e tutto l’occorrente per diventare dei veri e propri maghi? Se ricordate bene la trama della saga, ogni anno, ogni piccolo aspirante mago si reca a Diagon Alley, una via in cui è possibile trovare oggetti magici di ogni tipo, accessibile dal mondo “babbano” attraverso il locale “Il Paiolo Magico”.
Nel primo film, Harry Potter e la Pietra Filosofale, Diagon Alley è stata rappresentata dal Leadenhall Market di Gracechurch Street, uno splendido mercato al coperto risalente all’epoca vittoriana e, per questo, una location perfetta per ospitare magiche botteghe e librerie incantate.
Proseguendo verso il Tamigi e, oltrepassando Westminster, vi ritroverete davanti a Great Scotland Yard, l’edificio storico sede del servizio di polizia britannico.Sapevate che la facciata dell’edificio è stata scelta per rappresentare, nel settimo film, l’ingresso al Ministero della Magia? L’autrice, infatti, ha sempre cercato di tenere un margine molto sottile tra il mondo magico e il nostro, proprio per far sì che i lettori si immedesimassero il più possibile nelle storie dei suoi personaggi.

Harry Potter 8 libro e viaggi

 

Anche i ponti di Londra sono comparsi più di una volta all’interno dei romanzi e dei film della saga. Il settimo capitolo, ad esempio, inizia con la distruzione del Millenium Bridge per mano dei Mangiamorte, mentre nel quinto vediamo Harry sorvolare con la sua scopa il Tower Bridge, uno dei monumenti più rappresentativi della città.

Harry Potter 8 libro e viaggi

 

Dopo aver immaginato la magia nelle vie di Londra, rendetela reale agli studi Warner Bros in cui vengono organizzati tour del making of di tutti i film della saga. All’interno vi spiegheranno tutte le curiosità riguardo gli effetti speciali utilizzati e potrete trovare tantissimi oggetti di scena come i costumi dei personaggi, la Sala Grande della Scuola di Hogwarts, l’ufficio di Albus Silente, la Sala Comune dei Grifondoro, l’originale Hogwarts Express e tutti i negozi di Diagon Alley.

Harry Potter 8 libro e viaggi
Siete pronti a entrare nella magia? Su Fly Go trovate tutti i voli per Londra!

 

Approfondisci  

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere della capitale della moda!

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere: è un appuntamento imperdibile per chi ama la moda, la vita mondana e il divertimento!

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - Duomo

Milano fashion week 2016 cosa vedere: sta per iniziare la settimana della moda ed avete in programma di passare qualche giorno a Milano ma il vostro budget è limitato?
Niente paura,  con qualche suggerimento anche Milano può essere alla vostra portata e rivelarsi una città Cheap & Chic!

Se non avete ancora scelto il vostro alloggio, l’Ostello Bello potrebbe fare al caso vostro, è situato in due delle zone più centrali di Milano: a 100 metri dalla Stazione Centrale e vicino al nuovissimo quartiere Porta Nuova, e in Via Medici, a due passi dal Duomo.
Le strutture ospitano camere curate in ogni dettaglio e accoglienti spazi esterni in cui fare colazione la mattina o conoscere persone nuove la sera trasportati dall’atmosfera internazionale che caratterizza l’ostello.

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - ostellobello

 

Tra lo splendido Castello Sforzesco e l’Arco della Pace,  il monumento che più rappresenta il neoclassicismo a Milano, si trova Parco Sempione, una distesa di alberi e prati all’inglese, punto di ritrovo di tantissimi cittadini.
Al suo interno si trovano chioschi, bar e campi sportivi: un luogo perfetto per passare un pomeriggio con gli amici o per fare una passeggiata nel verde.
Il Castello e le sue opere sono visitabili tutti i giorni fino alle 17, così come l’Acquario Civico, che si trova all’interno del parco.

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - Parco Sempione

 

A due passi dal parco si trova La Triennale di Milano, uno dei punti di riferimento culturali più importanti della città. Oltre alle mostre di arte contemporanea, la Triennale ospita anche il primo museo italiano di design fondato nel 2007, il Triennale Design Museum, che, arrivato alla sua nona edizione quest’anno, propone agli spettatori un viaggio nel design al femminile nell’esposizione W. Women in Italian Design.
Il Teatro dell’Arte, anch’esso all’interno del museo, è un punto di riferimento per le arti performative del panorama milanese e uno spazio per le nuove espressioni artistiche.
Dal 22 al 25 settembre, nel teatro, andrà in scena Killing Desdemona della compagnia Balletto Civile, una rivisitazione di Otello sulle note del compositore berlinese Jochen Arbeit.

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - Triennale Milano

 

Non può mancare una passeggiata nel quartiere di Brera, tra case a ringhiera, vie ciottolate e negozietti vintage. Qui il traffico milanese sembra essere un lontano ricordo e vi ritroverete proiettati indietro nel tempo, visitando le chiesette e le piazze che hanno visto passare le maggiori personalità artistiche italiane e internazionali del secolo scorso.
A Brera infatti si trovano l’Accademia delle Belle Arti e la Pinacoteca di Brera. Quest’ultima ospita opere di grandissimo valore artistico come La Pietà di Giovanni Bellini e Il Bacio di Francesco Hayez, ogni giovedì dalle 18 fino alla chiusura del museo il biglietto costa solo 2 euro: approfittatene!

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - Brera

 

Dopo una visita alla Milano antica, scoprite, invece, quella moderna in Porta Nuova, tutta da osservare con il naso all’insù.
Negli ultimi anni, infatti, questa zona è stata completamente trasformata e modernizzata grazie alla costruzione del nuovissimo grattacielo Unicredit in Piazza Gae Aulenti, sede di eventi esclusivi, e a quella dei richiestissimi grattacieli del Bosco Verticale, vincitori nel 2014 del prestigioso International Highrise Award del Museo di Architettura di Francoforte.

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - Gae Aulenti

 

Una volta arrivata la sera è finalmente l’ora dell’aperitivo! A Milano i locali sono tantissimi ma in zona Porta Genova, sui navigli, avrete l’imbarazzo della scelta. I tavoli sono sistemati all’aperto tra negozi vintage e qualche piccola galleria d’arte aperta fino a tardi. Dopo lo spritz fate una passeggiata nella suggestiva Darsena inaugurata l’anno scorso e lasciatevi trasportare dalla musica di qualche dj set proveniente dai locali che sorgono sulle sponde del naviglio.

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - navigli

 

Lasciatevi rapire dal fascino della capitale della moda, su Fly Go trovate tutti i voli per Milano!

Milano Fashion Week 2016 cosa vedere - Milano panoramica

Approfondisci  

Lisbona weekend 2016 divertimento tra amici!

Lisbona weekend 2016: se avete in programma una vacanza con gli amici all’insegna del divertimento, la capitale del Portogallo è la meta giusta! Ecco una breve guida di tutti i luoghi e delle attività da non perdere.

Lisbona weekend 2016

Lisbona weekend 2016: partiamo alla scoperta di una città affascinante, ricca di storie, tradizioni e meraviglie architettoniche.
I
l modo migliore per visitarla è sui tipici tram che si inerpicano per le strette stradine e che vi faranno subito entrare nello spirito della capitale.
Il tram numero 28 è quello che segue il percorso più pittoresco: in 45 minuti parte da Campo Ourique e arriva a Martim Moniz, passando davanti al Castello Sao Jorge, con i suoi 2.000 anni di storia, e alla Feira da Ladra, il leggendario mercatino delle pulci di Lisbona.
Il momento più emozionante del tour è quando il tram inizia a salire verso Alfama, il quartiere storico, qui la strada è davvero stretta ma il convoglio si arrampica senza problemi e potrete sporgervi dal finestrino per godervi lo scenario mozzafiato che viene svelato durante la salita.
Una volta passati i tornanti di Graça, vi consigliamo di scendere e visitare il magnifico Monastero di São Vicente de Fora, che sovrasta Lisbona dal 1582 e ospita chiostri conosciuti per essere tra i più belli del mondo.

Lisbona weekend 2016
All’ora del tramonto recatevi al ritrovo più amato dai cittadini, il Miradouro da Graça, una terrazza da cui è possibile osservare il Castello Sao Jorge arroccato sulla collina, il fiume Tago e il Ponte 25 de Abril. Sedetevi a un tavolino con un cocktail in mano e godetevi la vista!

Lisbona weekend 2016

Dopo questo pittoresco tour recatevi nel quartiere più vivace e intrigante di Lisbona, il Bairro Alto, che si trova sopra Alfama.
Artisti e scrittori hanno fatto di questo quartiere la loro dimora e fonte d’ispirazione per secoli: ancora adesso, passeggiando tra le vie, troverete piccole gallerie d’arte, librerie e locali che vengono movimentati al ritmo di Fado, la musica tipica portoghese.
Se volete assaggiare il miglior mojito della città recatevi al Clube da Esquina nella Rua da Barroca: questo locale è animato da musica brasiliana tutte le sere e serve anche il Ginjinha, un ottimo liquore portoghese a base di amarena.
Gli amanti del vino adoreranno questo locale dai soffitti affrescati: il BA Wine Bar Do Bairro Alto, una delle vinerie più apprezzate della città dove, insieme alle loro ottime bottiglie, è possibile ordinare taglieri di salumi e formaggi misti.
Per un’ottima capirinha a ritmo di musica vi consigliamo la Galeria ze dos Bois nella Rua da Barroca in cui verrete accolti da uno dei tantissimi concerti che hanno luogo tutte le sere o da un DjSet che vi farà ballare tutta la notte.

Lisbona weekend 2016

Non dimenticate, infine, che il Portogallo è una delle mete preferite dei surfisti, quindi perché non sfidarvi tra amici cavalcando le onde?
Cascais, appena fuori dalla città, è conosciuta come la Riviera di Lisbona e offre a tutti i surfisti le onde migliori, grazie ai venti freddi del nord della catena di Sintra. Qui si trova il Surfcamp Lisbona, che mette a disposizione pacchetti che comprendono tutta l’attrezzatura necessaria per praticare surf, windsurf e kitesurf.
Più vicino ancora alla capitale, a Praia de Carcavelos, c’è la Carcavelos Surf School, che, dal 2001, insegna a principianti e non le migliori tecniche per scivolare sulle onde.

Lisbona weekend 2016
Questa città ha davvero tutto quello che serve per una vacanza con gli amici! Cosa aspetti?  Cerca su Fly Go e troverai tutti i voli per Lisbona!

Lisbona weekend 2016

Approfondisci  

Volare con il cane: le norme in vigore per Fido

Volare con il cane: tutte le informazioni che dovete sapere per prendere l’aereo quando andate in vacanza con il vostro amico a quattro zampe.

Volare con il cane

Volare con il cane potrebbe sembrarvi complicato, ma ormai sempre più compagnie aeree hanno introdotto normative semplici da seguire per potersi imbarcare insieme a Fido.
Per prima cosa ricordate sempre di controllare che non ci siano restrizioni nel paese in cui siete diretti consultando il Travel Information Manual della IATA, ad esempio nel Regno Unito e in Irlanda non è permesso introdurre animali.
Ogni compagnia prevede regole diverse riguardo il trasporto di animali, comunemente ai cani di piccola taglia (inferiori ai 10 kg di peso) è consentito viaggiare in cabina insieme ai padroni all’interno di un trasportino, mentre quelli di grossa taglia vengono sistemati nella stiva pressurizzata, in un ambiente riscaldato e illuminato.

Prima di imbarcarvi, abituate Fido a passare qualche ora all’interno del trasportino, iniziando già da qualche giorno prima della partenza, in questo modo prenderà confidenza con la struttura e sarà più facile per lui rilassarsi durante il viaggio. Entrambe le gabbiette devono essere foderate di materiale assorbente e devono contenere ciotole con acqua e cibo.
Per quanto riguarda il check-in recatevi in aeroporto e ricordatevi di portare con voi il passaporto di Fido, rilasciato dal veterinario, che riporti tutte le informazioni sulla sua salute e i vaccini effettuati. Per poter partire con lui, infatti, il vostro amico deve essere forte e in salute: non sono ammessi animali troppo anziani, feriti, di età inferiore ai 3 mesi o in stato di gravidanza.
A bordo delle compagnie Ryanair e EasyJet non è ancora possibile volare con il vostro amico a quattro zampe, ma non temete, ce ne sono tante altre che li accettano! 

 

Ecco a voi una lista aggiornata:

Volare con il cane
Volare con il cane
su Alitalia
In cabina il trasportino può essere sia rigido che morbido, non deve superare i 10 kg compreso il peso dell’animale, del cibo e della gabbietta stessa. Le dimensioni devono essere 24 cm di altezza, 40 cm di lunghezza e 20 cm di larghezza.
In stiva la gabbia deve essere rigida, senza le rotelle, munita di porta di metallo con chiusura, prese d’aria laterali di metallo e scocca in plastica. Le dimensioni variano a seconda del volo, quindi ricordatevi di controllarle al momento dell’acquisto del biglietto.

Volare con il cane su Meridiana
In cabina il trasportino, rigido o semirigido, non deve superare i 10 kg compreso il peso dell’animale, del cibo e della gabbietta stessa. Le dimensioni devono essere di  48x33x29 cm.
Il posto in stiva va acquistato al momento della prenotazione nella sezione “bagagli speciali” e non è previsto su tutti i voli, la gabbia deve essere rigida con la scocca in plastica e senza le rotelle.

Volare con il cane su Vueling
Sui voli Vueling è permesso il trasporto di animali di piccola taglia, ma solo in cabina: il posto va acquistato al momento della prenotazione con Tariffa Basic e il costo varia dai 25€ per i voli nazionali ai 45€ per le tratte intercontinentali e per le Canarie. Il trasportino deve essere morbido e le misure concesse sono: 50 cm di lunghezza, 40 cm di larghezza e 20 cm di profondità, il peso massimo, compreso il cane, è di 8 kg.
Su ogni volo sono permessi solo due cani per tratta quindi, se decidete di portare il vostro piccolo amico, ricordatevi di prenotare con largo anticipo.

E adesso: tutti in vacanza! Trovate tutti i voli al miglior prezzo e volate con Fido con Fly Go!

Volare con il cane

Approfondisci  

Viaggi settembre 2016: l’estate comincia ora!

Viaggi settembre 2016: avete aspettato che città e spiagge si liberassero dai turisti per andare in ferie? Ecco a voi qualche destinazione in cui il sole splende come se fosse ancora agosto!

Viaggi settembre 2016 in Italia

Viaggi settembre 2016

Non avete bisogno di andare dall’altra parte del mondo per abbronzarvi in autunno: le spiagge del sud del nostro Paese sono ancora calde e soleggiate, soprattutto in Sicilia e Sardegna.
In Sardegna, le spiagge bianche di Chia regalano ancora giornate da 30 gradi e tuffi nel caldo mare cristallino ai turisti che decidono di rilassarsi a settembre.
La Sicilia, invece, offre un’oasi di sabbia dorata a San Vito Lo Capo: giornate di sole e mare a 23 gradi. Nei dintorni troverete alcune baie poco conosciute ma incantevoli, come Santa Margherita e il golfo di MacariGli amanti del trekking potranno percorrere il suggestivo sentiero costiero da San Vito Lo Capo a Scopello che si snoda per 7 km di scenari mozzafiato.
L’arcipelago delle isole Pelagie, formato da Lampedusa, Linosa e Lampione, grazie alla sua vicinanza alle coste africane, vi accoglierà con un clima ancora caldo e soleggiato nonostante la stagione.

Viaggi settembre 2016 in Europa

Viaggi settembre 2016

Malta, nel Mediterraneo, è un’altra meta perfetta per i turisti settembrini, oltre al clima mite tutto l’anno e al mare cristallino, quello che rende unica quest’isola sono la sua storia e le testimonianze ancora presenti delle civiltà che l’hanno abitata. Scegliendo Malta esplorerete le vie degli antichi borghi, vi rilasserete sulla spiaggia di Laguna Blu e potrete fare snorkeling nel mare turchese dell’incantevole isola di Gozo.
La Grecia, collocata nella parte orientale del Mediterraneo, anche a settembre gode di correnti che mantengono il clima caldo e gradevole, mentre i venti spazzano via il torrido clima estivo. Creta è la scelta giusta per una vacanza in autunno: la bellezza dei suoi paesaggi e delle sue spiagge è conosciuta in tutto il mondo. Un esempio? La spiaggia di Elafonissi è chiamata i “Caraibi del Mediterraneo” grazie alle sue acque cristalline e alla costa caratterizzata da sabbia fine e bianca. Quest’isola, inoltre, è ricca di reperti di altissimo valore storico, come il Tempio di Cnosso risalente al 3.000 a.C.

Viaggi settembre 2016

Le Canarie regalano, fino ad autunno inoltrato, vacanze da sogno. Tra le sette isole, quella che mantiene il clima più estivo, grazie alla sua vicinanza alle coste africane, è Fuerteventura, caratterizzata da spiagge scure di origine vulcanica e numerosi parchi naturali.

 

Approfondisci  

Bruges cosa vedere in un weekend romantico

Bruges cosa vedere: state progettando una fuga romantica? Questa città in Belgio è perfetta per una vacanza all’insegna dell’amore.
Seguite i nostri consigli per vivere un weekend indimenticabile!

Bruges cosa vedere

La vostra vacanza romantica a Bruges inizia con la giusta scelta dell’alloggio, la cittadina offre numerose Chambres d’hôtes e bed and breakfast tipici della Francia e del Belgio, arredati a seconda delle tradizioni del posto. Questo dettaglio li rende davvero pittoreschi e perfetti per immergersi completamente nello spirito della città e dei suoi abitanti.

Bruges cosa vedere

Il vostro tour può iniziare dalla piazza del mercato, il Grote Markt, dalla quale partono gran parte delle carrozze che vi porteranno ad esplorare il magnifico centro della città.
Una volta scesi recatevi al Minnewaterpark, nel mezzo del parco si trova il Lago dell’Amore.
La leggenda narra che le coppie che si baciano sulle sponde di questo lago, popolato da bianchissimi cigni, rimangano insieme per sempre, romantico no? 
Nel parco, inoltre, è possibile stendersi sull’erba, approfittatene per un picnic solo voi due!
Proseguite, poi, verso il Beghinaggio, un complesso di casette bianche in cui alloggiavano le beghine, donne laiche di fede cattolica che aiutavano i mendicanti e fornivano un servizio alla comunità. Il Begijnhof De Wijngaard, bene protetto dall’Unesco dal 1998, racchiude un suggestivo cortile in cui passeggiare mano nella mano, tra prati fioriti e ponticelli.

Bruges cosa vedere

Se volete assaggiare le delizie del luogo, dirigetevi verso il centro e incontrerete i tipici chioschi che vendono le tradizionali patatine fritte belga, da gustare sul Ponte di San Bonifacio, detto anche il Ponte degli Innamorati, da cui, inoltre, è possibile godere di una bellissima vista della Chiesa di Nostra Signora edificata tra il XIII e il XVI secolo.

Bruges cosa vedere

Dopo aver passeggiato per le vie ciottolate del centro ed essere entrati nei negozietti caratteristici, vi invitiamo a vedere la città da una prospettiva diversa, quella del fiume.
I battelli partono a ogni ora del giorno e in 30 minuti vi permetteranno di esplorare i canali e vedere la città specchiarsi sull’acqua, un’esperienza davvero indimenticabile, soprattutto al tramonto.

Concludete il vostro weekend con una cena a lume di candela in un ristorantino tipico a Huidenvettersplein, la Piazza dei Conciatori: la sera si trasforma in un luogo magico che sembra davvero uscito da un libro di fiabe.

Bruges cosa vedere:

Noi ci siamo già innamorati di questa città, e voi? Su Fly Go trovate tutti i voli per il Belgio!

Approfondisci  

Dublino 2016 cosa vedere: sulle tracce di James Joyce!

Dublino 2016 cosa vedere e quali luoghi visitare per ripercorrere i passi di James Joyce attraverso le vie e le tradizioni della capitale irlandese.

Dublino 2016 cosa vedere

James Joyce nacque nel 1882 a Dublino, città in cui visse solo 22 anni, prima di partire per un esilio auto imposto con la compagna di vita Nora.
Il suo rapporto con la città natale è stato molto controverso ma ha anche rappresentato la massima fonte di ispirazione per la stesura delle sue opere, ad oggi studiate e conosciute in tutto il mondo, per questo, visitare la capitale irlandese vi proietterà all’interno dei suoi romanzi e dei suoi racconti, ricchi di riferimenti ai luoghi e alle tradizioni della città.
Di seguito vi diamo qualche consiglio riguardo i periodi e i luoghi giusti per una vivere una vacanza sulle tracce dell’autore che ha dato vita alla corrente Modernista.

Dublino 2016 cosa vedere

Ogni appassionato di letteratura conosce Ulisse, uno dei lavori più celebri dello scrittore, ambientato a Dublino nell’arco della giornata del 16 giugno 1904. Ogni anno, in questa stessa data, la città festeggia il Bloomsday, il cui nome deriva da quello del protagonista del romanzo: Leopold Bloom.
Durante questo evento hanno luogo letture, festeggiamenti e adattamenti teatrali del romanzo nei luoghi più citati dall’artista come il Davy Byrne’s pub e la Sweny’s Pharmacy.
Se non avete l’occasione di visitare la città durante il 16 giugno, niente paura, vi basterà mettere in valigia Gente di Dublino, Ulisse o le Poesie da un Soldo per riuscire a vedere con i vostri occhi Eveline, Polly, Leopold e tutti i personaggi vittime della “paralisi” di cui Joyce ci racconta le storie e i sogni infranti.

Dublino 2016 cosa vedere:

Cominciate a scoprire la città con una visita al James Joyce Center in North Great George’s Street, il centro che ospita i maggiori eventi che riguardano la promozione della vita dello scrittore e delle sue opere.
Dublino 2016 cosa vedere

Passate poi in Great Denmark Street per vedere il luogo a cui l’autore è rimasto più affezionato e che lo ha formato fino ai 16 anni contribuendo all’inizio della sua carriera: il Belvedere College in cui, inoltre, sono ambientati i primi capitoli di Ulisse.
Leopold Bloom alloggiava in 7 Eccles Street, adesso questo edificio è un’ospedale, il Mater Private Hospital ma, passandoci davanti, potreste ancora riuscire a vedere il protagonista che prepara la colazione alla moglie Molly. Per vedere la porta originale della loro abitazione recatevi al già citato James Joy Center.

Dublino 2016 cosa vedere

Non dimentichiamoci, però, delle altre personalità letterarie originarie del paese: presso il Dublin Writers Museum, a Parnell Square, potrete soddisfare tutte le vostre curiosità sul nostro scrittore e su: Beckett, Shaw, Swift, Wilde e Yates.
Nel sesto capitolo di Ulisse, il protagonista si reca al funerale di Paddy Dignam al Glasnevin Cemetery, qui riposano molti personaggi conosciuti in Irlanda come Charles Stewart, Daniel O’Connell e Michael Collins ed è un luogo molto affollato dagli appassionati del romanzo durante il Bloomsday.
Attraversate il fiume Liffey e, all’altezza del General Post Office in Prince’s Street, immaginate di trovarvi davanti al Freeman’s Journal, distrutto nel 1916, dove Leopold Bloom lavorava come agente pubblicitario.
A questo punto addentratevi in Duke Street ed entrate nel Davy’s Byrne Pub per bere una birra e respirare l’aria novecentesca che aleggia ancora in questo locale in cui Leopold incontrò l’amico Nosey Flynn nell’ottavo capitolo del romanzo.

Dublino 2016 cosa vedere

Per i veri appassionati consigliamo una visita alla Sweny’s Pharmacy in cui il tempo si è fermato al 1904, grazie ai volontari che hanno deciso di conservarla esattamente come descritta nel romanzo. All’interno avrete la possibilità di leggere i libri donati dalla cittadinanza e di acquistare il profumato sapone al limone che ha reso il negozio famoso.
Il nostro tour si conclude dove tutto ebbe inizio, a Sandycove presso la James Joyce Tower, costruita nell’800 per difendere la città dalle armate napoleoniche. Qui l’autore ambientò il primo capitolo di Ulisse dando vita a una delle opere più apprezzate della letteratura. La torre è stata trasformata nel Joyce Museum, dove potrete trovare una ricostruzione dell’abitazione dello scrittore e altre attrazioni a lui dedicate.

Dublino 2016 cosa vedere

Dublino 2016 cosa vedere: Ora che Dublino e James Joyce non hanno più segreti per voi cosa aspettate? Su Fly Go trovate tutti i voli per Dublino!

Approfondisci